Vernice Opacizzante per Legno: un caso studio sull'opaco bianco

  • 0 commenti

vernice opacizzante per legno
Da cosa è composta esattamente una vernice? Quali sono gli elementi chimici che la compongono? Vediamo la composizione della vernice di colore bianco opaco:

  1. Resina
  2. Solventi vari
  3. Titanio
  4. Talco
  5. Additivi
  6. Olio siliconico
  7. Opacizzante in misura dei gloss

Conoscere la composizione della vernice opacizzante ci aiuta a comprendere meglio le ragioni di alcune problematiche che possono sorgere quando utilizziamo delle vernici a basso costo ed otteniamo un risultato poco soddifacente.
Ecco un caso studio che spiega come mai certe vernici opacizzanti per legno non hanno una buona resa.

Vernice Opaco Bianco: un caso di studio reale

Un cliente commissiona ad un collega la verniciatura di due ante con l'opaco bianco. Si tratta di ante e spalle abbastanza lunghe, 2 metri x 70 cm.
Non è molto semplice spruzzare l'opaco su delle ante così lunghe se non si usano le giuste accortezze, quindi decide di utilizzare un diluente medio-lento per diluire l'opaco, che consente di girare intorno al supporto in modo da non creare nuvolature al pezzo.
Utilizza un bell'opaco coprente che sta su sui fili, senza colare, e già alla prima mano copre i bordi senza lasciare segnetti neri. Una volta asciutto, il risultato ottenuto pare molto buono: opaco, disteso uniformemente, una finitura bella pomposa.
Il cliente resta molto contento del risultato, apparentemente impeccabile e curato nei particolari.
Dopo due giorni il cliente controlla e imballa i pezzi da andare a montare a casa della signora che gli ha commissionato l'arredamento; mentre divide i pezzi e li prepara per caricarli sul camion nota che in contro luce si vedono dei segni: con uno straccio tenta di pulirli ma peggiora la situazione, gli sfrisi aumentano danneggiando la finitura. Subito alza la cornetta e, tutto furioso, chiama il verniciatore spiegando il problema. Cosa sarà mai potuto accadere?

Cosa è accaduto all'opaco bianco

Perché l'opaco bianco "rimaneva segnato"?
Se la formulazione dell'opaco non è ben bilanciata, l'opacizzante che essicando galleggia in superficie non si lega chimicamente alla resina ed è facile che semplicemente passando uno straccio si toglie tutto e rimane la resina sottostante, che è più lucida.
Sta di fatto che il collega si è visto costretto a carteggiare e dare un'altra mano di opaco bianco. Tempo perso e, natural
Questo accade perché alcune case produttrici di vernici, per risparmiare sulle materie prime e contenere sempre di più le quotazioni dei prodotti, impoveriscono la formulazione a discapito della qualità del risultato finale.
Attenzione quindi a chi propina prodotti a basso costo. La vernice è un materiale delicato, le reazioni chimiche che interagiscono tra di loro durante la sua reticolazione sono complesse e da non sottovalutare.
E' bene affidarsi a professionisti esperti che sanno fornire il giusto aiuto e che sono aggiornati su tutti i prodotti vernicianti.

Lascia il tuo commento